WINE TREKKING NELLE MARCHE, ITINERARIO SEGUENDO IL CAMMINO DEL VINO

, , , , ,
23 marzo 2016turismomarche

Speciale itinerario per un viaggio nelle Marche attraverso i borghi e i territori celebri per la produzione di vino.

Nelle Marche le bellezze sono praticamente infinite, da quelle artistiche a quelle storiche, da quelle paesaggistiche a quelle enogastronomiche. Città gioiello incastonate in splendidi scenari affacciati sul mare o arroccati tra le montagne, scenari da favola dai colori vividi e sapori unici, autentici, dal profumo avvolgente. Chi sceglie le Marche non deve scegliere, vi proponiamo alcuni itinerari del gusto, wine trekking nelle Marche alla scoperta del territorio attraverso la produzione del vino, che nelle Marche è davvero speciale. Percorsi ed itinerari nella natura, camminando alla scoperta dei vini più importanti.

Nella zona del Parco regionale del San Bartolo, tra le dolci colline dello splendido borgo – in provincia di Pesaro Urbino – di Fiorenzuola di Focara, sarà assolutamente d’obbligo assaggiare un buon Sangiovese e Bianchello dei Colli pesaresi. Una passeggiata che dalla falesia sul mare sale dolcemente tra le colline verdeggianti in un atmosfera placida, dove la brezza marina si sposa con le campagne fertili creando vini ricchi e armoniosi.

Non si può passeggiare tra le colline tra Senigallia e Jesi senza fermarsi a Morro d’Alba, tra le sue mura antiche e i suoi meravigliosi tesori c’è senz’altro il vino che ne conserva anche il nome, il Lacrima di Morro d’Alba. Straordinario rosso dalle sfumature violacee è un vino conosciuto ed apprezzato addirittura già ai tempi di Federico Barbarossa che nel 1167, durante l’assedio di Ancona, si appropriò di questo favoloso succo d’uva. Un territorio suggestivo e meraviglioso per molti aspetti che interessa non solo il borgo di Morro ma anche quello di San Marcello dove cantine storiche producono da sempre ottimi vini, il Lacrima ovviamente, ma anche l’asciutto e amarognolo verdicchio.

La zona anconetana vanta anche un altro vino sempre più apprezzato, ed il borgo di Camerano, famoso per le sue misteriose grotte sotterranee, ad essere il punto da cui partire per l’itinerario che ci porterà ad assaggiare un bel calice di Rosso Conero. Dal sapore intenso e dal colore rubino è un vino che deriva da uve coltivate esclusivamente sulle dorsali del Monte Conero, il promontorio sul mare che caratterizza l’intera area marchigiana con scorci panoramici davvero straordinari. Nella zona, che fa parte del Parco del Conero, ci si potrà perdere tra la falesia sul mare e le dolci e degradanti colline colorate dai vitigni dove a far da sfondo a meravigliose passeggiate tra i sentieri ci sarà il mare.

La Vernaccia di Serrapetrona è una vera prelibatezza, uno straordinario spumante rosso che nasce da vitigni coltivati nell’entroterra maceratese, tra le colline che circondano l’antico borgo di Serrapetrona dove passeggiando si potranno visitare anche gli “appassimenti”, strutture con le quali si producono la vernaccia che prevede appunto un periodo di appassimento delle uve.

Tra le colline maceratesi altro borgo gioiello da annoverare è senza dubbi Loro Piceno caratterizzato da un centro storico settecentesco del tutto intatto. Passeggiando tra le colline e le campagne del suo territorio sarà quasi d’obbligo assaporare il suo famoso vino cotto prodotto con una tecnica di vinificazione rimasta pressocché invariata dai tempi degli antichi latini che già ne apprezzavano la dolcezza e liquorosità.

Chi ama il vino non può non conoscere e apprezzare l’intenso rosso dal sapore asciutto, il Rosso Piceno. Vinificato nei fondovalle collinari delle zone tra il fermano e l’ascolano, questo vino dal profumo delicato e dal color rosso rubino nasce tra borghi dal fascino antico come ad esempio Ripatransone. Tra vigneti e macchia mediterranea, tra boschi e sentieri camminare in queste zone sarà davvero rilassante, unico e magico.

Nel Piceno, in particolare nella zona di Offida e in quella di Cossignano dove, tra l’altro diverse cantine hanno scelto di produrre vino biologico, vengono vinificati anche due bianchi molto rappresentativi del territorio, la Passerina e il Pecorino. Tra vigne e colline, tra rocche e scorci paesaggistici unici con i Sibillini che si vedono in lontananza passeggiare da queste parti sarà davvero incantevole, godendo dell’atmosfera e di un buon bicchiere di vino.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *