IDEE PER UNA VACANZA A SAN BENEDETTO DEL TRONTO COSA FARE PER VIVERE EMOZIONI

3 giugno 2016turismomarche

Trascorri una vacanza a San Benedetto del Tronto cosa fare, anche nei dintorni, e dove andare per un soggiorno davvero emozionante.

Alle porte dell’estate vi suggeriamo una vacanza a San Benedetto del Tronto cosa fare ve lo suggeriamo noi perché in questa meravigliosa cittadina non ci sono solo il mare e le spiagge. Regina della Riviera delle Palme, splendida e rigogliosa località balneare sempre frequentatissima grazie ad un mix perfetto di strutture ricettive di prim’ordine capaci di soddisfare ogni richiesta, ampie spiagge dorate, e tantissimi eventi pensati per l’intrattenimento di grandi e piccini, San Benedetto de Tronto è molto di più. Arte, storia, cultura e natura rappresentano una contante per tutto il territorio circostante con borghi di straordinaria bellezza e città uniche.

Prima di scoprire cosa c’è nei dintorni San Benedetto del Tronto merita uno sguardo più attento: a dominare l’intero paese c’è il Torrione, fatto erigere nel XV sec. dalla famiglia Gualtieri, che mostra un’insolita forma a pianta esagonale schiacciata e un’altezza relativamente modesta. A base quadrata è invece la Torre Guelfa che si trova nella frazione di Porto d’Ascoli dove si può ammirare anche la Caserma Guelfa, con corpi d’angolo a puntone e chiostro interno. Per quanto riguarda le architetture di tipo religioso da visitare sono senz’altro la chiesa di San Benedetto Martire che sorge sul sepolcro del santo e la cattedrale di Santa Maria della Marina fatta erigere dal Comune nel 1615 in onore della Madonna della Spiaggia.

San Benedetto del Tronto è la città simbolo della Riviera delle Palme di cui fanno parte anche le splendide cittadine di Grottammare e Cupra Marittima con le quali condivide uno splendido e vivace litorale costituito da ampie spiagge servite e attrezzate per ogni tipo sport, e dalle alte palme che incorniciano le strade e le villette in stile liberty che caratterizzano questo tratto costiero e dove il divertimento e l’ospitalità sono una consuetudine che ogni anno permette a sempre più turisti di trascorrere vacanze indimenticabili.

Spostandosi un po’ verso l’interno troviamo il borgo di Massignano, vicinissimo a San Benedetto ha molto da mostrare ai suoi visitatori poiché sembra essere stato abitato fin dall’epoca romana; molti sono i luoghi interessanti, dalla chiesa di San Giacomo Maggiore alla Torre Civica, dal Museo di Arte Sacra all’Abbazia dei Santi Felice e Adacto. Mentre è quasi d’obbligo per chi sceglie di trascorrere le proprie vacanze a San Benedetto del Tronto impiegare un po’ di tempo per visitare una delle città più belle d’Italia, Ascoli Piceno, lasciandosi affascinare dalla sua meravigliosa Piazza del Popolo, quasi completamente pavimentata in travertino sulla quale si affacciano splendidi edifici come il caffè Meletti, il Palazzo dei Capitani e la chiesa di San Francesco e impressionare dalla solennità della Cattedrale di Sant’Emidio dedicato al santo patrono di cui sono conservate le spoglie nella cripta. La città vanta un patrimonio storico, artistico e culturale molto vasto difficilmente riassumibile ma che di certo soddisfa le curiosità del turista più attento.

Continuando a darvi delle idee per una vacanza a tutto tondo vi consigliamo di proseguire verso l’entroterra e di fermarvi ad Acquasanta Terme e Roccafluvione, splendidi borghi immersi nel verde e nella tranquillità dei monti Sibillini, il primo caratterizzato da sorgenti di acqua sulfurea che scorgano naturalmente e di cui si può usufruire nei diversi stabilimenti termali, il secondo dalle diverse chiese che impreziosiscono il territorio scelto da molti per lunghe passeggiate in mountain bike o vere e proprie escursioni tra i fitti boschi e una vegetazione davvero ricca e affascinante.

Altri tre deliziosi borghi da visitare in queste zone sono Montegallo, Montemonaco e Montefortino, immersi in una natura lussureggiante, protetti dai monti Sibillini e scelti come partenza o arrivo per più o meno lunghi itinerari di trekking alla scoperta dei tanti segreti che si celano da queste parti. Proprio in queste zone infatti si troverebbe la grotta della Sibilla Appennina e proprio questi borghi sono il riferimento da cui iniziare a camminare per raggiungere il Lago di Pilato, di epoca glaciale, unico bacino naturale delle Marche che, secondo la leggenda custodirebbe, sotto le sue acque, le spoglie di Pilato appunto, misteriosamente abbandonate durante il tragitto verso Roma.

Anche Offida merita di essere visitata per la bellezza del suo centro storico, per le diverse architetture e luoghi d’interesse e per il meraviglioso ambiente che lo circonda. Tra i monumenti più affascinanti la chiesa di Santa Maria della Rocca che si staglia imponente su due vallate, dallo stile romanico-gotico fu eretta nel 1330 sulla preesistente chiesa benedettina. Circondata su tre lati da bruschi dirupi rivolge la facciata verso l’esterno dell’abitato articolandola in lesene mentre sul lato opposto sono facilmente riconoscibili tre alte absidi poligonali, dove, in quello centrale si trova un portale gotico che porta alla cripta. Tra gli edifici civili vanno di certo visitati il Palazzo Comunale, costruito tra il XIII e XIV sec.,il torrione della Rocca e il Teatro Serpente Aureo.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *