Un itinerario tra i paesi nei dintorni del Conero

, , , , , , ,
9 dicembre 2016turismomarche

Nei dintorni della Riviera del Conero si trovano paesi di incredibile valore artistico e culturale. Visitateli seguendo questo itinerario.

Iniziamo dal più grande, Osimo. Questo borgo è di antica origine (VI sec. a.c.)  e si trova sulle colline che separano le valli dei fiumi Aspio e Musone. La cittadina di Osimo è uno splendido gioiello per chi intende nutrirsi di artestoria e cultura delle Marche. Tra i luoghi di interesse sicuramente il Duomo di San Leopardo, il Palazzo Comunale, e le  Misteriose Grotte Sotterranee di Osimo.

A pochi chilometri verso l’interno il nostro itinerario fa tappa ad Offagna, conosciuta anche per le Feste Medievali che vi si tengono nel mese di luglio. Per circa 8 giorni nel paese si  rivive e si respira l’antica atmosfera medievale, tra giochidisputebanchetti di quell’epoca. Da qualche anno, ad Offagna è stata conferita la Bandiera Arancione per la sua importanza storica e culturale.

Proseguendo tra i paesi nei dintorni del Conero arriviamo ad Agugliano, regina della Terra dei Castelli. Punto strategico di difesa per la città di Ancona, durante i mesi estivi organizza manifestazioni come il “Gelato Artigianale Festival” e la “Festa della birra”. Durante i mesi invernali, Agugliano diventa uno scenario da cartolina delle Marche, specie se avvolta e circondata dalla neve.

Proseguiamo con Polverigi, storicamente conosciuta come luogo di grandi battaglie che coinvolsero Ancona, Osimo e Jesi.  Tra i tanti eventi che fanno brillare Polverigi nelle notti d’estate, ve n’è uno particolarmente suggestivo, la Festa delle Streghe.

Concludiamo il nostro itinerario tra i paesi nei dintorni del Conero con una sosta a Santa Maria Nuova, anch’esso borgo facente parte della  Terra dei Castelli. Per la sua produttività e per la posizione estremamente strategica, subì a lungo la dominazione della vicina città di Jesi da cui ottenne l’indipendenza nel 1858. Di particolare interesse la chiesa di sant’Antonio da Padova.

 

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *