Stregati da Osvaldo Licini

,
8 novembre 2018turismomarche
Sull’Espresso una bellissima recensione di Alessandra Mammì sul nostro Osvaldo Licini

Ultimamente è tornato di moda uno dei grandissimi artisti del Novecento, nativo di Monte Vidon Corrado, bellissimo paesino in provincia di Fermo. Come potrete notare infatti, sta tornando alla ribalta Osvaldo Licini. Lo potrete notare anche voi stessi ogni domenica su Rai1, negli schermi di Che Tempo Che Fa dove troverete le sue opere pittoriche che fanno da sfondo ad uno dei più importanti programmi televisivi. Ma uno degli appuntamenti più importanti è quello di Venezia dove sarà possibile ammirare le opere di Osvaldo Licini curate da Luca Massimo Barbero ed in esposizione fino al 14 gennaio 2019.

Ma non dimenticatevi di visitare anche la stupenda Casa museo di Osvaldo Licini a Monte Vidon Corrado.  Aperta nel 2013, troverete oggetti, abiti e schizzi del suo vecchio “laboratorio – casa”. Il palazzo è diviso in tre piani: una cantina utilizzata dall’artista per le sue riunioni politiche, al secondo una sala che custodiva le sue più belle opere d’arte e quella più in alto dove il Licini soggiornava ed al contempo stesso lavorava.

Di seguito l’articolo-recensione ad opera della giornalista dell’Espresso!

Avremmo dovuto amare di più Osvaldo Licini. Metterlo subito nel Pantheon dei grandi pittori del Novecento. Esaltarlo in ogni possibile occasione. Farne poster, spillette e magliette, all’occorrenza.. Il suo volto avrebbe dovuto esserci familiare come quello solenne, intagliato nel legno, meditativo e iconico di Giorgio Morandi che, con gli occhiali spostati sulla fronte, osserva le bottiglie nella celebre foto di Herbert List.

Invece Licini foto così non ne ha, ma nella mostra di Venezia alla collezione Guggenheim, Luca Massimo Barbero (più che curatore, uno scrittore di mostre visto che riesce trasformarle in racconto per immagini) , il volto di Licini arriva subito, nella prima sala : un Autoritratto dell’artista da giovane 1913, summa pittorica di tutto quel che vedremo dopo. [Continua a leggere qui…]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What is 7 + 14 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)