Urbania

Panoramica

ID: #5804
Tipologia: Borghi e Città d'arte
Zona: Pesaro Fano e Montefeltro
Voto:
Rate this post

Mappa





URBANIA

Cosa vedere a Urbania:

Palazzo ducale;

Concattedrale di San Cristoforo martire;

Museo civico;

Chiesa e Convento di San Francesco;

La chiesa dei morti.

Distanza dal mare: circa 50 KM

Come arrivare a Urbania in auto: Da Nord e da Sud, prendere l’autostrada A14 (da nord: in direzione di Ancona; da sud: in direzione di Napoli e poi di Pescara), uscire a Fano, seguire la direzione Roma, percorrere la superstrada SS73bis / E78 Fano-Grosseto, continuare sulla SP 3, uscire in direzione Acqualagna/Piobbico/Città della Pieve e proseguire seguendo indicazioni per Urbania.

Come arrivare a Urbania in treno: la stazione di riferimento è quella di Pesaro, a 50 km circa. Per informazioni consultare il sito web delle Ferrovie dello Stato www.ferroviedellostato.it.

Come arrivare a Urbania in autobus: Autolinee Adriabus (ex AMI): www.adriabus.eu.

Come arrivare a Urbania in aereo: gli aeroporti più vicini sono, l’Aeroporto di Rimini a 62 km circa, quello di

Ancona a 94 km circa e quello di  Forlì a 105 km circa.

Per le famiglie con bambini e passeggini è possibile visitare in parte la città a piedi.

La città è accessibile in parte a persone disabili.

NUMERI UTILI

COMUNE di URBANIA (Piazza della Libertà, 1 – 61049 URBANIA – PU) Tel. 0722-313111 Fax 0722-317246

COSA SAPERE SU URBANIA

Urbania è un piccolo borgo in provincia di Pesaro Urbino. Conosciuta fino al 1636 con il nome di Casteldurante, cambiò la propria denominazione in onore di papa Urbano VIII. Cittadina ricca di monumenti, posta al centro dell’alta valle del Metauro e lambita per tre lati dal fiume che scorre a ridosso delle antiche mura, Urbania presenta un impianto urbanistico assai regolare, con vicoli lunghi e diritti che la fanno assomigliare a un accampamento romano.

Tra gli edifici di particolare interesse, la vasta mole del Palazzo Ducale eretta tra il XV e il XVI sec. appartenuto ai Brancaleone, primi feudatari di Casteldurante, e poi residenza dei Montefeltro e dei Della Rovere.  Oggi il Palazzo ducale è sede della Biblioteca Comunale, degli Archivi Storici, del Museo Civico e del Museo della Civiltà Contadina. Fra gli edifici sacri sono particolarmente interessanti la Concattedrale databile tra il IX e il XVIII secolo, intitolata a San Cristoforo martire ed edificata sulle fondamenta dell’antichissima abbazia benedettina di San Cristoforo del Ponte, risalente all’VIII secolo e la chiesa dei Morti risalente al 1380, con bel portale gotico e il macabro “cimitero delle mummie”. Agli inizi del XIX secolo, dopo la promulgazione dell’Editto di Saint Cloud, la Confraternita della Buona Morte decise di esporre in un ambiente ricavato dietro l’altare maggiore alcuni corpi umani riesumati dai sepolcri della chiesa, trovati inaspettatamente oggetto di un fenomeno di mummificazione naturale.

 Interessanti anche la rinascimentale chiesa del Corpus Domini, la barocca chiesa di Santa Caterina, la settecentesca chiesa di San Francesco e la coeva Cattedrale con annesso Palazzo vescovile, oggi sede del Museo Diocesano.

[dc_social_wall id=”5832″]

Ultime da Urbania