Il tartufo Nero di Roccafluvione

, ,
8 marzo 2017turismomarche

Il prodotto principe della cultura enogastronomica di Roccafluvione, protagonista indiscusso di molte ricette della tradizione culinaria locale è il pregiato tartufo nero.

Il tartufo nero è un particolare frutto sotterraneo dal profumo intenso e dal sapore molto particolare appartenente alla famiglia dei tuberi. Non si tratta però di un tubero bensì di un fungo micorrizico. Il territorio di Roccafluvione ne è particolarmente ricco grazie alla presenza di alcune tra le piante più idonee alla crescita di questo particolare frutto della terra: la quercia, il carpino nero, la roverella, il cerro, il nocciolo e il faggio.

Il tartufo Nero di Roccafluvione si sviluppa in genere su terreni freschi e ben drenati, spesso in boschi misti di latifoglie ad una altitudine tra i 500 ed i 1000 metri. La raccolta viene effettuata necessariamente con l’aiuto di un cane addestrato. Attenzione: non è permesso raccogliere più di un kg di tartufo al giorno! A Roccafluvione si tiene ogni anno il Festival del Tartufo Nero Pregiato di Roccafluvione, a Gennaio poiché questa qualità di tartufo è prevalentemente invernale. Durante la manifestazione si trova il mercato presso cui acquistare il tartufo nonché diversi cooking show e momenti gastronomici per imparare a cucinare e degustare il pregiato Nero di Roccafluvione.

Se comprate il tartufo fresco, vi consigliamo di pulirlo con molta cura prima di utilizzarlo in cucina. Si può degustare sia crudo che cotto e se ne può utilizzare il succo. Il Tartufo Nero di Roccafluvione rende molto bene in cucina per profumare primi piatti, oppure risotti e anche secondi piatti. L’abbinamento perfetto del tartufo Nero di Roccafluvione è con un buon vino corposo dal gusto rotondo e fruttato come il Rosso Piceno, ma se preferite il bianco, allora vi consigliamo il Verdicchio dei Castelli di Jesi.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *