Il Castello Svevo di Porto Recanati

, , , ,
19 gennaio 2017turismomarche

Il Castello Svevo di Porto Recanati si trova nella centralissima Piazza Fratelli Brancondi, nel cuore della vita cittadina sia in estate che nelle altre stagioni.

La data di costruzione del Castello Svevo di Porto Recanati risale secondo alcuni al 1229. In quell’anno Federico II di Svevia donò le terre sul quale si trova il comune di Recanati.

Come molte altre fortezze federiciane, fu costruito con funzione difensiva.  Gli attacchi dei pirati e in particolare dei Turchi accomunavano infatti tutta la costa adriatica. Sopra le mura, si può ancora vedere il camminamento di ronda con feritoie, utilizzato per la guardia dall’alto. Il portale di entrata aveva il ponte levatoio ed alla struttura originaria fu aggiunto nel 1404 un fossato riempito d’acqua proveniente dal fiume Potenza con un canale ad hoc.

La vita del piccolo borgo marinaro e di pescatori ruotava attorno al Castello Svevo di Porto Recanati , fulcro del primo nucleo cittadino.  All’interno delle mura del castello si svolgevano le interazioni quotidiane della popolazione locale. Vi si trovavano le torri, visibili ancora oggi, la chiesa, gli uffici per il porto, la residenza del Commissario comunale di Recanati e le umili abitazioni della popolazione, costituita principalmente di pescatori.

La torre principale del Castello Svevo di Porto Recanati è alta 25 metri e venne costruita prima dell’intera fortificazione. Era originariamente a pianta quadrangolare, poi modificata a pianta ottagonale. La seconda torre è invece cilindrica e risale al 1400. La corte del Castello Svevo di Porto Recanati oggi è sede dell’Arena Beniamino Gigli, intitolata al conosciutissimo tenore recanatese. Attualmente è utilizzata come sede per le maggiori manifestazioni culturali, soprattutto durante  la stagione estiva. Al primo piano del Castello è oggi  possibile visitare la Pinacoteca Comunale.

 

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *